Creazione siti web, realizzazione siti web, web design, web designer, conversione da psd a xhtml/css, personalizzazione template Wordpress, Joomla, banner flash, animazione flash, introduzione flash

home servizi portfolio chi sono contatti css3 css tutorials css menu css templates

Proprietà CSS3 alla prova

multiple background : Aggiunto d'immagini di sfondo multipli
text-shadow : Ombreggiatura del testo in css3
@font-face : Aggiunto d'un font specifico in css3
box-shadow : Ombreggiatura d'un elemento in css3
multi-column : Contenuti in più colonne in css3
border-radius : Angoli arrotondati in css3
opacity : Trasparenza d'un elemento in css3

CSS, un po di storia

Le specifiche di CSS1 (Cascading Style Sheet o Fogli di stile) sono state definite e raccomandate dal W3C (World Wide Web Consortium) nel 1996.

L'introduzione dei fogli di stile ha permesso d'iniziare a separare i contenuti (gestiti dai linguaggi tipo (X)HTML) dalla formattazione (l'aspetto visivo per l'utente gestita appunto dai CSS).

Questa separazione ha portato dei miglioramenti come ad esempio:

- riduzione delle dimensioni delle pagine (vengono usati meno tag, caricamento esterno del foglio di stile conservandolo in 'cache' nella memoria del browser...)
- miglioramento dell’accessibilità del contenuto con fogli di stile per media, stampa, auditivi ed altri programmi utenti specifici
- maggiore flessibilità e controllo nella presentazione del contenuto (con riduzione di tempo per modificare uno specifico elemento)

Questi fogli di stile possono essere combinati tra di loro assegnando valori alle proprietà per creare l'effetto 'cascade' o, se nessun valore viene trovato, i valori vengono ereditati da un elemento genitore o da un valore iniziale.

Nel 1998, fu raccomandato l'uso di CSS livello 2 (CSS2) per risolvere diversi problemi non presi in considerazione nella creazione di CSS1, cioè rendere i CSS un linguaggio supportato meglio dai browser (inclusi i dispositivi portatili) ed includere nuove funzionalità come, ad esempio, il posizionamento degli elementi (proprietà position).

Le specifiche dei CSS2 sono state riviste ultimamente per sistemare errori, togliere funzioni non supportate e aggiungerne di nuove, dando vita nel 2007 alla versione CSS 2.1 (CSS livello 2 revisione 1) l’ultima raccomandata dal W3C.

Dal 1999, è iniziato il processo di definizione della parte del W3C del CSS3.

Questo processo è tutt'ora in corso e sicuramente ci vorranno ancora degli anni per vederli raccomandati dal W3C e poterli usarle tranquillamente su diversi browser.

Introduzione CSS3

Anche se le specifiche CSS3 non sono state ancora rilasciate, il W3C pubblica regolarmente degli aggiornamenti sullo sviluppo dei moduli css3 proposti.

Questi moduli css3 sono stati introdotti per suddividere le nuove specifiche CSS3 permettendo di portare avanti, fare gli adeguati test ed aggiornare un modulo specifico senza dovere per forza modificare l’intero insieme di specifiche.

Al livello sviluppo per i programmi utenti come browser di tipo vocale (per riprendere l'esempio trovato sul sito W3C), questi moduli permettono di poter aggiornare il modulo interessato (in questo caso un modulo di tipo auditivo) con maggiore facilità e flessibilità.

NB: le nuove specifiche CSS3 saranno comunque sempre basate sulle specifiche CSS2.1 raccomandate dal W3C, aggiungendo e modificando alcune funzionalità.
L'applicazione di queste nuove funzionalità dipenderà per lo più dallo sviluppo dei browser che non sono ancora in grado di supportare parte delle novità.

L'elenco completo dei moduli CSS3 è disponibile sulla W3C con il loro stato attuale:

* Working draft(WD):
il modulo è definito e pubblicato. Sarà rivisto più volte prima di passare al secondo livello (Last Call) o essere completamente eliminato.
* Last call(LC):
annuncio di una data di scadenza per la revisione del modulo. Potrebbe mandare il modulo in fase di candidatura per la raccomandazione o rimandarlo in fase di stesura.
* Candidate rec.(CR):
il modulo è stato rivisto completamente e soddisfa i requisiti tecnici.
* Proposed rec.(PR):
dopo avere passato più controlli al livello tecnico e d’implementazione, il modulo è sottoposto al Comitato Consultivo (Advisory Committee) per la raccomandazione finale.
* Reccomandation(REC):
il modulo viene accettato e diventa parte delle specifiche raccomandate della W3C.